Il Gomitolo


Il blog

Hai mai sentito parlare dei blog? Sono diari in cui puoi raccontare le tue esperienze: una giornata particolare, un pensiero, ecc... Questo è il blog di CaGnoLoSha. Se preferisci puoi leggere i post di tutti in un'unica pagina.

Visualizzazione post singolo di CaGnoLoSha

Faccine: sì (cambia)
Stili e colori: sì (cambia)

Pagina di diario di un cane

scritto da CaGnoLoSha il 14/03/2016 alle 19:15

Caro diario,
Ti sto scrivendo mentre cammino in questa enorme città sotto questo cielo grigio, sperando anche oggi, come ogni giorno, di trovare qualcuno che mi voglia bene, qualcuno che mi dia un po' di cibo, di acqua, che mi dia un posto per stare al caldo. È interessante guardare le persone passare davanti a me senza degnarmi nemmeno di uno sguardo, quando capita il più delle volte la gente mi guarda con uno sguardo schifato. A volte però capita che un bambino mi guarda con tanta gioia e vorrebbe venire ad accarezzarmi e portarmi con sé, ma poi succede sempre che la/il mamma/papà/zia/zio/nonna/nonno lo ferma prendendolo con la mano esclamando:"fermo, avrà i pidocchi o le pulci o qualche malattia, lascialo stare". A questo punto allora il bambino mi guarda con molta tristezza e compassione perché sa che se mi avrebbe preso, avrei potuto evitare di passare un'altra notte al freddo e avrei potuto smettere di continuare a cercare del cibo. Queste sono le uniche cose veramente essenziali per un cane: acqua, cibo, e amore. Ma alle persone non importa cos'è importante per noi cani, perché gli esseri umani avendo un cervello più evoluto (o così si pensa) devono avere più importanza di noi, noi siamo animali inferiori. Proprio come i gatti, ecc. Beh, ammetto che io non sopporto i gatti, però se ne incontrerei uno per strada al freddo e in cerca di cibo gli darei un po' di amore. Capisco che c'è chi non ne ha la possibilità, diario, ma chi la ha potrebbe fermarsi per un po' ad ascoltare cos'ha da dire quel povero gattino in cerca di aiuto.
La maggior parte degli animali che troviamo per strada sono abbandonati, lo capiamo soprattutto se uno di loro indossa un collare; io non sono mai stato abbandonato. Mia madre ha partorito me e i miei tre fratelli nel garage di un'umana, che poi ci cacciò fuori, ma mia mamma non sapeva dove andare!
Così sono cresciuto per strada. Due miei fratelli morirono perché erano già malati dalla nascita, e mia madre dopo un po' di tempo si ammalò e morì. Invece il mio fratellino è stato fortunato: un giorno un'umana passò davanti il marciapiede su cui stavamo, vide mio fratello e gli fece tenerezza, così lo portò con sé. Ora non so più dove sia, cosa stia facendo e se ora qualche volta continui a pensarmi, ma a me importa che lui stia bene e sia felice.
Almeno chi è stato abbandonato ha vissuto un periodo di tempo sereno insieme ad una famiglia, insieme a qualcuno che voleva lui del bene, insieme a qualcuno che non lo considerava di una razza inferiore, ma di una razza diversa. Io, invece, non sono mai stato abbandonato, perché non ho mai avuto nessuno che mi abbia mai voluto realmente bene. Poi c'è chi è stato talmente fortunato da aver sempre vissuto insieme a persone che lo amavano senza essere mai stato abbandonato. Io non sono mai stato abbandonato perché sono sempre stato solo. Però nessuno mi ha mai maltrattato fortunatamente, non ho mai subito violenza da parte di un umano, a differenza del mio amico Bobby. Lui è un cane che ho conosciuto un paio di mesi fa e mi ha raccontato che lui, sua madre e i suoi fratelli venivano picchiati molto violentemente da un uomo che era sempre molto arrabbiato, e forse per sfogo oppure per abitudine se la prendeva sempre con loro. Una notte riuscirono a fuggire da una finestra, ma ancora oggi ha impresso nella sua mente quegli orrendi ricordi che vorrebbe tanto dimenticare, ma è impossibile, i lividi passano ma il dolore no.
Ecco, caro diario, si sta facendo buio e ora devo cercare anche per stanotte un posto per dormire. Quindi ti saluto, domani ti faccio sapere come ho passato la notte.
Ma questi sono solo pensieri di un cane che non verranno mai trascritti in una reale pagina di diario, perché i cani non possono scrivere, e poi è strano vedere un cane che scrive, insomma, i cani non sanno scrivere, quindi lo faccio io al posto loro.

(so che forse non piacerà a nessuno o non ha molto senso però avevo voglia di scriverlo XD)

Commenti

Commento #1
scritto da CaGnoLoSha il 14/03/2016 alle 19:42

P.s.: scusate per i miei errori grammaticali ma sono giustificata, sono un cane U_U XD è già tanto se so scrivere!
Una cagny con l'espressione di sasso :pasqua:
Bau!

Commento #2
scritto da Julia il 14/03/2016 alle 20:08

Davvero una super pagina di diario! :cagnolino:
~Things we lose have a way of coming back to us in the end, if not always in the way we expect~

Commento #3
scritto da Eva2003 il 17/03/2016 alle 19:24

Una pagina di diario davvero bella! :cagnolino:
Uno spunto per una riflessione molto profonda.
Complimenti! :)
Un bacione,abbraccione e un vi voglio bene da Eva. :cuorestelle:
cuore La collezionista di sorrisi. cuore

Commento #4
scritto da Giulia22 il 05/05/2017 alle 21:54

Bravissima! La mia frase preferita è GLI ESSSERE UMANI AVENDO UN CERVELLO PIÙ EVOLUTO O COSÌ SI PENSA ed hai ragione perché la maggior parte dell'umanità è peggio degli animali
i colori fanno della parte della vita, ma sorridi per chi ha una vita in bianco in nero Giulia22 cuore