Il Gomitolo


Il blog

Hai mai sentito parlare dei blog? Sono diari in cui puoi raccontare le tue esperienze: una giornata particolare, un pensiero, ecc... Questo è il blog di Kika. Se preferisci puoi leggere i post di tutti in un'unica pagina.

Kika ha scritto 5 post nella categoria Pensieri

Faccine: sì (cambia)
Stili e colori: sì (cambia)

Ciao Elena!

scritto da Kika il 30/11/2013 alle 23:45

Chiedo a te di insegnarmi a non arrendermi perchè a volte per quanto ci possa provare capita di crollare. Te lo chiedo perchè tu sei riuscita a farlo fino agli ultimi dei tuoi giorni. Quando ho saputo la notizia non ci ho creduto, per un attimo ho pensato a così tante cose insieme che mi facevano venire i brividi.
E' difficile affrontare la leucemia come hai fatto tu. Con quel sorriso, con quella speranza, non riunciando a nulla. Te lo si leggeva negli occhi che eri felice di affrontare la vita. Anche se la vita contro di te era stata crudele e la malattia lentamente ti stava divorando. La tua bellezza non l'hai persa neanche durante quelle cure che alla fine si sono rivelate inutili.
Non si può morire a 27 anni, perdere tutto così.
Penso a te Elena e a tante persone vicine e lontane che soffrono per una malattia come la tua o simili e mi faccio tante domande. Non so darmi risposta, mi tremano solo le mani e mi vengono gli occhi lucidi. Non lo so se è rabbia, se è paura, se è tristezza, ma ti assicuro che sono tutti sentimenti negativi.
Non lo so se esiste l'aldilà ma mi piace pensare che tu sia accanto ad ogni malato per dargli quel coraggio e quella forza che tu solo avevi.
Non voglio credere che per te sia finita così, non ce la faccio.
Sono sicura che hai il compito più grande e impegnativo che si possa avere: quello di insegnare che arrendersi è un comportamento che hanno i deboli, i falliti, gli sfiduciati.
Ti prometto che ogni volta che sarò di cattivo umore, che penserò di non potercela fare, di essere quasi al limite, di non essere abbastanza, di valere poco, penserò a te e reagirò.


Ciao Elena!

Se ...

scritto da Kika il 01/10/2012 alle 19:41

Questa è la serata dei SE.
E' il primo ottobre ma dalla temperatura che c'è fuori non si direbbe. 30 gradi, tanta umidità e un vento di scirocco che rovina la piega ai capelli e che ti fa sentire tremendamente stanca.
Qualche scottatura dovuta al sole preso al mare i giorni scorsi. Giuro di non aver mai ricordato nessun anno di esser andata al mare fino al 30 settembre e di aver visto tutta quella gente. E' proprio vero che le stagioni non sono più quelle di una volta!
E' Lunedì. Il lunedì sembra il giorno più brutto di tutta la settimana. Ti separa dal week-end e ti obbliga a riabituarti ai nuovi ritmi di una settimana che ti aspetta. Se poi aggiungi una moltitudine di pagine da studiare e qualche interrogazione che comincia ad esserci, è ancora peggio.
E' un lunedì triste, socciato, nervoso.
E' il lunedì dei SE.
E se avessi fatto così?
E se ci avessi provato?
Dovrei sbattere la testa forte contro il muro per scuotermi un po' e sistemare tutti quei neuroni che non si muovono per paura di avere rimpianti.

Fame d'abbracci

scritto da Kika il 24/05/2012 alle 23:51

Tutti cercano qualcosa. C'è chi cerca dei soldi, chi cerca una famiglia, chi cerca l'amore, chi cerca lavoro, chi cerca risultati buoni a scuola, chi cerca un po' di comprensione. Tutti siamo alla ricerca di qualcosa. Io cerco terribilmente abbracci. Ho sempre cercato qualcuno che mi abbracciasse nei momenti in cui mi sento uno schifo, quando le lacrime ti invadono presuntuosamente il viso. Forse credono che sorridere sempre e avere in ogni momento la battuta pronta sia sintomo di una felicità a tempo indeterminato. Vi sbagliate, vi sbagliate proprio tutti. Le persone che sorridono sempre sono quelle che hanno più bisogno di tutti. Fanno doppia fatica: regalano sorrisi agli altri e cercano di scacciare la malinconia in se stessi. Non potete immaginare quant'è difficile combattere con tanti soldatini che vivono in ogni persona ogni volta che si deve compiere un'azione. Dicono che l'invidia è una brutta bestia ma io non mi vergogno di dirlo che vorrei essere meno riflessiva e agire d'istinto. E invece sto lì a pensare, ad abbattere tutte le torri invisibili agli altri, a chiedermi se è giusto o sbagliato sia per me che per gli altri.
E' tutto così tremendamente difficile.

Ciao Paolo!

scritto da Kika il 24/04/2012 alle 23:38

Impedire che la vita di una persona si possa spezzare è una delle cose che si dovrebbero fare. Vederti parlare felice il giorno prima, abbracciare tua sorella, sorridere pensando ai progetti che stavano per essere realizzati e il giorno dopo apprendere quella realtà così angosciante è terribile. La tua vita stava cominciando a prendere forma finalmente. Eri riuscito a conquistarti il posto come poliziotto dopo tanto studio, stavi cercando una casa e avevi già fissato la data del matrimonio che sarebbe stato a breve. Ti saresti creato una famiglia, quella che tanto sognavi. Ma quel giorno forse per un colpo di sonno o chissà cosa, perdi il controllo della tua auto e vai a sbattere contro un palo. Respiri a fatica, ci provi con tutte le tue forze, ma poco dopo il tuo cuore smette di battere. Non serve a niente la corsa tempestiva del 118 e dei tuoi colleghi che sono giunti sul posto. Non ci sono parole. Spezzare una vita così a soli 28 anni è ingiusto.
Ciao Paolo!

Rivelazioni.

scritto da Kika il 16/04/2012 alle 00:04

Col passare dei giorni resto sempre più felice delle mie scelte.
Ah e un'altra cosa: la vita è un dono e molte persone non la meritano, credetemi. Dovrebbero imparare a farne un utilizzo più appropriato perchè sprecarla in determinati modi è veramente un peccato e uno schifo.


Blog sicuri

Nei blog del Gomitolo tutti i post sono controllati prima della pubblicazione. Se comunque leggi cose che secondo te non andrebbero pubblicate, scrivici subito!

Ultimi commenti