Il Gomitolo


L'angolo della scuola

Consigli per studiare bene

#5405 Il 04/10/2015 Rob di 11 anni ha scritto:
come si studia bene?

La mia risposta:

Ciao Rob,
la tua è una domanda troppo generica e vaga; in più non ci dici dove trovi difficoltà, dove non vai molto bene, ecc...

Cercherò di darti qualche consiglio prendendo in esame i più comuni problemi e difficoltà degli studenti.

Innanzitutto vedo dall'età che hai cominciato le scuole medie e quindi voglio farti una breve premessa. E' normalissimo incontrare difficoltà soprattutto nei primi mesi. Queste difficoltà possono essere dovute al diverso carico di studio (e quindi problemi con l'organizzazione), diverso approccio degli insegnanti, diverso rapporto docente-alunno, diverso ambiente scolastico (nuove amicizie, nuovi posti) e quindi senso di disorientamento e soprattutto argomenti scolastici già visti, ma trattati con maggiore serietà e approfondimento.

Perciò ti dico questo: non ti demoralizzare e non perderti d'animo. Sì, è vero i primi mesi potresti (e sarà naturalissimo) trovare difficoltà. Per questo motivo cerca di dare il massimo proprio adesso che ancora siamo all'inizio. Dopo andrà meglio, te lo garantisco! E adesso ti do tutti i consigli che ti servono per affrontare al meglio questo primo anno di medie.

Sii puntuale, segui le lezioni e prendi un minimo di appunti

Perché ti dico questo? Perché queste sono le BASI per poter affrontare al meglio non solo le scuole medie ma per trovarti poi bene al liceo.
La puntualità - quindi arrivare in orario alle lezioni - è un segno di educazione e serietà importante che i tuoi insegnanti coglieranno. E' molto importante che loro si facciano una buona impressione di te; non ti sto dicendo di essere l'alunna perfetta, in prima fila, "secchiona" come si suol dire. Assolutamente no! Devi essere te stessa ma ricordando sempre il rispetto per gli insegnanti e la puntualità è un segno di rispetto.

Gli altri punti invece sono molto importanti per TE. Seguire le lezioni è il primo passo per andare bene a scuola, te lo garantisco: vale anche all'università! Se segui le lezioni capisci meglio gli argomenti; se capisci meglio gli argomenti quando andrai a casa a studiare saprai fare bene i compiti; se saprai fare bene i compiti li farai più velocemente e avrai un carico di lavoro alleggerito.

Prendere durante le lezioni gli appunti è IMPORTANTISSIMO e devi impararlo a fare già da adesso: ti servirà per gli studi futuri! Cosa intendo per prendere un minimo di appunti? Intendo dire che se per esempio la professoressa di inglese sta spiegando il verbo essere, tu sul quaderno scriverai quello che lei riporta alla lavagna o quello che sta leggendo dal libro. Quindi ti riporti sul quaderno la tabella "I am, you are, he/she/it is" ecc. Poi sempre su quella pagina di quaderno ti segnerai le regole che la professoressa dice. Per esempio accanto alla riga "he/she/it is" scriverai : he è il pronome personale soggetto per individui maschili, she è invece femminile e it per ciò che è inanimato.

Prendere in questo modo gli appunti mentre la prof spiega ha una serie di vantaggi incredibili.
1 Seguirai meglio la spiegazione della prof e scrivendo aiuti il tuo cervello a elaborare il concetto; e se è difficile questo ti aiuterà a capirlo meglio
2 una volta che sarai a casa saprai cosa la professoressa ha fatto ESATTAMENTE a lezione e quindi sai cosa studiare e cosa invece è meno importante
3 quello che la prof spiega, di solito, è quello che poi chiede all'interrogazione SICURAMENTE. Quindi se tu ti sei scritta cosa la prof ha spiegato, saprai anche cosa ti chiederà di sicuro all'interrogazione. Non è forse un vantaggio?
4 avere degli appunti su cui studiare ti aiuta anche nello studio a casa. A volte i libri non riportano tutto ciò che la prof spiega e, ancora peggio, COME lei lo spiega. Inoltre a volte i libri non sono così chiari nelle spiegazioni e avere a casa la possibilità di rileggere la spiegazione anche della prof può aiutarti notevolmente

Per poter seguire al meglio la lezione è ovvio che devi cercare di non distrarti troppo. Capisco che non puoi stare attenta alla lezione dall'inizio alla fine, ma cerca di aumentare la tua resistenza. Questo esercizio di aumentare la tua concentrazione ti aiuterà anche dopo nello studio a casa. Cerca quindi di non chiacchierare con il compagno o meglio fallo nei momenti opportuni! Se la professoressa sta spiegando le potenze, forse sarebbe meglio prima stare attenta e dopo parlare, non trovi?
Per non stancarti troppo in classe, fai sempre la ricreazione e mangia cose che ti diano energia!

Annota sul diario i compiti
A volte mi è capitato che alcuni studenti che venivano da me a ripetizioni non si scrivevano sul diario i compiti e andavano a memoria: SBAGLIATISSIMO!!! Scriversi i compiti in maniera corretta è una tua responsabilità. Non farlo o scriverli in modo errato, non ti giustificherà agli occhi della professoressa anzi...
Quindi mi raccomando, quando la prof detta i compiti SCRIVILI! Non dire: ah no non lo faccio tanto c'è la mia amica, poi chiamo lei. Chi ti dice che lei li abbia scritti giusti?!?

- Il lavoro in classe descritto sopra, non esclude il lavoro a casa! -

Ti ho dato dei consigli su come comportarti in classe, su come seguire le lezioni ecc. Tuttavia essere attivi alle lezioni, prendere appunti, ascoltare la prof, non distrarsi non esclude il fatto che poi a casa devi fare i compiti.
Fare i compiti è essenziale non solo perché la professoressa il giorno dopo ti mette la nota se non hai svolto le cose; è essenziale per TE! Fare i compiti ti serve a verificare cosa hai appresso, cosa hai capito, cosa non hai capito, su cosa hai difficoltà. Tutto questo ti servirà per consolidare le tue nozioni, per capire ancora meglio oppure, in caso ci sia qualcosa che non va, il giorno dopo chiedere aiuto all'insegnante.

Adesso, piccola parentesi: spazza via la vergogna e la paura di chiedere spiegazioni e aiuto alla tua professoressa. Lei è lì per te e viene anche pagata per fare il suo mestiere, quindi rispiegarti qualcosa o aiutarti in qualche argomento per te difficile è un suo dovere! e tu hai il DIRITTO di chiedere tutto ciò che vuoi. Non pensare "è una domanda stupida chissà cosa pensa poi!" perché fidati, non sarai l'unica della classe ad avere difficoltà! Meglio fare le domande e chiarirsi i dubbi che poi prendere insufficiente alle verifica, no?

Problemi con lo studio a casa: quali sono i motivi?

Una volta che comincia la fase del lavoro a casa e dello svolgimento compiti, devi essere autocritica e chiederti: come mai studio male? cosa sbaglio? in cosa sono carente? dove devo migliorare?
Questa fase di autoanalisi è importantissima soprattutto i primi mesi. Devi cercare di capire in cosa sbagli, cosa devi migliorare per poter cominciare ad avere un metodo di studio efficace e redditizio.
Mi spiego meglio.

Un buon metodo di studio si articola in vari passaggi.

1) ORGANIZZAZIONE
La prima cosa da fare è aprire il diario e chiedersi: bene, che compiti devo fare?
Bisogna farsi subito una scaletta e chiedersi da dove devo cominciare?
La risposta dipende da te e per capire cosa è meglio per te dovrai andare a tentativi.
Per mia esperienza ti dico che è molto meglio togliersi i compiti scritti; per esempio se in inglese hai solo da fare degli esercizi sul libro, togliti subito inglese! Se hai da fare matematica allora comincia da lei: non solo è difficile e quindi a mente fresca riesci meglio, ma di solito sono compiti scritti e quindi una volta fatti se tutto va bene ti sei tolta già un peso!

2) STUDIARE IN MODO ATTIVO E NON IN MODO PASSIVO
Essendo più vecchia di te (esattamente 10 anni in più), ho un po' di esperienza con la scuola e anche con il modo di studiare degli studenti. Ti garantisco che ci sono due tipologie di studio: uno attivo e uno passivo. Molti degli studenti studiano in modo passivo, il che significa in parole semplici che si studia in modo superficiale. Si aprono i libri, si legge; dopo magari si risfogliano le pagine velocemente e si dice "massì questo lo so, pure questo, si ho letto tutto basta chiudo". Ecco, questo non è studiare questo è fare finta o credere di studiare. Questo è lo studio passivo, totalmente inutile e che ti porterà ad avere risultati scarsi.

Il modo di studiare deve invece essere attivo. Prendiamo un esempio pratico: devi studiare la rivoluzione francese con anche le date e tutti quei nomi. Uno studente che studia in modo passivo legge le pagine, guarda le date poi chiude il libro e pensa già di saperle. Uno studente che studia in modo corretto invece fa queste cose:
1 Legge una pagina sottolineando a matita
2 ritorna a leggere per la seconda volta sottolineando con evidenziatore giallo le cose che sono importanti da sapere
3 poi fa una terza lettura veloce cercando di ricordare quello che ha già letto in un primo momento e cerchia con un colore diverso (per esempio evidenziatore fucsia) le date
4 cerca di ripetere ad alta voce quello che hai sottolineato
5 se quando ripeti noti che fai fatica a ricordare qualcosa allora ecco che passiamo alla fase successiva

3) SCHEMI, MAPPE, RIASSUNTI...

Lo studio attivo non è solo leggere e sottolineare con bellissimi evidenziatori colorati. Talvolta si ha la neccessita - o perché non si ha la memoria allenata o perché si hanno tante pagine da studiare o perché ci sono troppe cose da ricordare (come date, nomi, ecc), di fare schemi/mappe/riassunti. Ognuno preferisce cose diverse.
Io per esempio non ho mai utilizzato mappe o riassunti: mi basavo sui miei appunti che riuscivo a prendere sempre molto bene. Poi però mi succedeva di dovermi fare degli schemi come aiuto al ripasso. Per esempio quando dovevo imparare a memoria le date della rivoluzione francese me lo sono riportate tutte quante su dei fogli; me li sono appesi un po' dappertutto in camera così di tanto in tanto li riguardavo e con la mente ripassavo.
Stessa cosa quando dovevo imparare i verbi irregolari inglesi: mi sono fatta dei fogli con tutti i verbi scritti a colonna prima in inglese e poi in italiano; dopo durante il ripasso procedevo così: coprivo prima la colonna in italiano e cercavo di ricordarmi il significato dall'inglese; e poi viceversa.

Ci sono poi studenti che senza le mappe concettuali non riescono a studiare. Queste sono molto utili perché ti aiutano a capire le cose importanti da memorizzare, ti aiutano a fare collegamenti logici. Eccone un esempio: 1.bp.blogspot.com/-FGJm-SWjukw/UW7JIsqJtHI/AAAAAAAABjA/Wua8kyjk93o/s1600/RIVOLUZIONE+FRANCESE2.jpg
In questo modo la tua mente attraverso la memoria visiva, si ricorda tutti i passaggi dal rettangolo più grande a quelli più piccoli e quando sei all'interrogazione ti sarà più facile esporre la materia attraverso un ordine logico e con i collegamenti giusti.

Poi ci sono i riassunti. Questo può essere utile soprattutto quando la materia poi prevede una verifica scritta. In questo modo riassumi quello che sono le cose più importanti e - scrivendole in modo corretto, logico e ordinato - una volta che le studi  sarà poi facile fare la verifica con una esposizione corretta. Inoltre fare i riassunti aiuta a ricordare meglio quello che si sta studiando, perché scrivendo il nostro cervello comincia a elaborare nella memoria i concetti.

Anche qui è molto soggettivo, devi fare tu dei tentativi!

4)MEMORIZZARE E RIPETERE AD ALTA VOCE

Ci tengo a sottolineare che studiare in modo attivo significa non solo sottolineare, fare schemi, riassunti, mappe ecc; ma significa anche che una volta fatto ciò, si ha memorizzato la materia. Ripetere ad alta voce aiuta tantissimo il cervello a memorizzare i concetti. Attenzione dico a MEMORIZZARE non a RICORDARE! Un conto è ricordare (e di solito si tratta di ricordi non molto chiari e sicuri) i concetti, un conto è averli memorizzati e consolidati nella mente. Questo significa che davvero sei sicura di ciò che hai studiato, che l'hai APPRESO. Una volta finita la verifica o l'interrogazione saprai ancora quello che hai studiato proprio perché hai MEMORIZZATO.

Il processo di memorizzazione è una parte fondamentale e talvolta la più difficile in un metodo di studio. Non tutti abbiamo la stessa memoria. C'è chi ha bisogno di allenamento e chi ce l'ha già allenata.
ATTENZIONE: per memorizzazione non intendo dire che si impara tutto a memoria come una poesia o una filastrocca. Intendo dire che una volta studiato, i concetti rimangono nella mente. Non importa se li sai spiegare come dice il libro o come dice la tua prof; l'importante è averli compresi, assimilati e memorizzati in mente per poter - all'occorrenza - ripescarli e saperli ripetere ad altri.

Perciò, per poter davvero dire "Ho studiato! Ho imparato qualcosa" bisogna memorizzare i concetti. Per fare ciò ci sono varie possibilità:
1 si può ripetere ad alta voce da soli cercando di correggersi anche nel linguaggio che si usa, cercando di trovare le parole giuste con cui spiegarsi; ripetere più volte aiuta anche a memorizzare eventuali date o nomi
2 si ripete nella mente, ma questo è soggettivo: a me per esempio non bastava, non mi sentivo abbastanza sicuro ripetendo solo nella mente!
3 si ripete insieme a qualcuno e i primi tempi può essere utile, per esempio con mamma o papà

Questo però vale per tutte le materie in cui c'è una parte teorica che bisogna poi applicare sugli esercizi.

Quanto tempo studiare?

Anche questo è un concetto molto soggettivo, forse più degli altri. Ci sono studenti che possono studiare solo 3 ore al giorno e sanno tutto benissimo e in modo accurato, altri studenti che anche dopo 5 ore non hanno ancora imparato bene i concetti.
Ti do anche qui qualche consiglio:
1 Le ore di studio diminuiscono se tu stai attenta a lezione e quindi a casa non ti sembra di leggere cose nuove mai viste
2 non ridurti a studiare la sera, il cervello funziona bene con la luce del sole perché produciamo più energia e più ormoni che ci aiutano alla concentrazione
3 se non sei abituata a studiare molto organizza il tuo tempo. Per esempio se devi studiare storia e hai molte pagine imponiti una regola: ogni 2 pagine imparate bene fai una pausa di dieci minuti. In questa pausa però non metterti davanti alla TV o sul letto. Vai a prendere una boccata d'aria, parla con qualcuno, fai merenda, ascolta un po' di musica.
4 quando ti senti stanca, la testa appesantita o gli occhi che fanno fatica a leggere non sforzarti: vuol dire che per oggi il tuo cervello ha fatto abbastanza! In questo caso puoi optare per un pisolino di circa 20 minuti per svegliarti più fresca. Non dormire però per più di 1 ora: dopo il cervello non riuscirà ad apprendere molto!

E' ovvio che attraverso l'allenamento e la costanza le cose miglioreranno; soprattutto con il passare del tempo, se continuerai a impegnarti, noterai che il tuo cervello sarà più bravo sia a memorizzare, sia più veloce nell'apprendimento.

Gli ultimi consigli che ti do sono questi.

Vai a letto ad un orario decente
Cerca di dormire almeno 6 ore, altrimenti l'indomani ti sentirai stanca e sarà molto difficile concentrarsi!

Concentrazione
A volte non si ha proprio voglia di studiare o non ci si riesce a concentrarsi al meglio. In questi casi cerca di autodisciplinarti ripetendoti: prima inizi, prima finisci. Di tanto in tanto concediti qualcosa che ti faccia stare meglio: cioccolata, una passeggiata, un po' di musica. Per la concentrazione ricorda sempre di studiare lontano dal telefono, TV, computer ecc soprattutto i primi tempi.
Anche la concentrazione, come abbiamo visto per la memoria, si ha bisogno di allenamento ed esercizio. L'importante è essere determinati, non perdersi d'animo e essere tenaci!
Se un giorno non riesci a studiare, non demoralizzarti: riprovaci il giorno dopo. Il giorno dopo studia per mezzora, poi fai una pausa e poi ricomincia. Se dopo un'ora non ce la fai più, smetti. Il giorno dopo invece fai 40 minuti e dopo una pausa. Dopo ricomincia. Cerca di resistere almeno 1 ora e 5minuti in più. E così via sempre ad aumentare finché non vedrai dei miglioramenti.
Io adesso allenandomi con lo studio giorno per giorno arrivo a riuscire a studiare 10 ore al giorno! Ma non spaventarti: io sono all'università e il carico di studi è moooooolto maggiore delle medie. A te basterà arrivare a 5 orette e anche meno!

Studiare da soli o in gruppo
Se noti che da sola fai fatica a studiare prova a studiare in gruppo con un'amica che sai ti possa aiutare. A volte in due ci si riesce a incoraggiare, a capire meglio le cose e ad avere più autostima!

Penso di averti detto le cose più importanti.

Ultima annotazione: per qualsiasi cosa noi siamo qui!!!

Ciao!

Fogny

Se vuoi fare una domanda riferita a ciò che ho scritto
o se vuoi aggiungere un consiglio per Rob, rispondi a questo messaggio.



Una domanda a caso...

Nomi astratti

Consigli

  • Prima di fare una domanda controlla se altri ne hanno fatta una simile.
  • Anche se non hai problemi leggi questa rubrica: conoscendo le esperienze degli altri affronterai meglio le tue!
  • Se ne hai voglia, puoi parlare di scuola anche nel forum!

Cose utili

Informazioni su questa rubrica