Il Gomitolo


L'angolo della scuola

Suo in analisi logica: attributo o complemento di specificazione?

#9028 Il 14/11/2016 Lino di 15 anni ha scritto:
Grazie davvero tanto!! Ora mi è tutto più chiaro, non riuscivo proprio a capire quello, ma ora ho capito bene!! Ho però un ultimo dubbio, nella frase: "Luca chiamò suo figlio Carlo"

Luca = soggetto
chiamò = predicato verbale
suo figlio Luca = complemento oggetto + attributo (suo) + apposizione (figlio)...è giusto analizzato così?? O devo forse mettere suo = di lui = complemento di specificazione?? Quando in una frase trovo per es. "Suo marito/Sua zia" il suo devo mettere di lui/di lei = complemento di specificazione o metto semplicemente attributo??

Grazie di cuore per l'aiuto che mi dà!! Buona serata!!

Questa domanda fa riferimento a una richiesta precedente.

La mia risposta:

Ciao Lino,
è un piacere aiutarti ancora.

Cerca di essere più sicuro di te: sei in gamba e si vede! :-)

E' giustissimo: suo è semplicemente attributo. Se rifletti un attimo capisci anche il motivo. 'Suo' infatti altro non è che un aggettivo possessivo e quindi ha intrinseco il significato di 'di lui'!
Quando infatti tu dici ad esempio 'ho parlato con sua madre' tu intendi dire 'ho parlato con la madre di lei'. Sua = di lei perché è proprio questo quello che fa un aggettivo possessivo: mi indica il rapporto tra due entità.

Perciò sì, 'suo figlio Luca' si analizza proprio come hai detto = complemento oggetto + attributo e apposizione (figlio).
Stessa cosa quando hai ad esempio 'di sua zia' scrivi complemento di specificazione + attributo.

Ciao!

Fogny

Se vuoi fare una domanda riferita a ciò che ho scritto
o se vuoi aggiungere un consiglio per Lino, rispondi a questo messaggio.



Consigli

  • Prima di fare una domanda controlla se altri ne hanno fatta una simile.
  • Anche se non hai problemi leggi questa rubrica: conoscendo le esperienze degli altri affronterai meglio le tue!
  • Se ne hai voglia, puoi parlare di scuola anche nel forum!

Cose utili

Informazioni su questa rubrica