Il Gomitolo


L'angolo della scuola

Problemi con i compagni di prima media

#8892 Il 26/10/2016 Gavino di 11 anni ha scritto:
I miei compagni mi prendono in giro perché gli ho detto che in prima media ancora dormo con il pigiama dei Pokemon e sono scoppiati a ridere. Come faccio a farli smettere a questi che adesso si sentono grandi solo perché stanno in prima media?

La mia risposta:

Ciao!
La situazione che stai vivendo è la stessa che vivono tantissimi ragazzini della tua stessa età e che almeno una volta abbiamo vissuto tutti, quindi posso capirti benissimo.

Devi sapere che in prima media, come avrai già notato, i ragazzi sono ancora molto immaturi, ed essendo entrati da poco alle medie credono di stare diventando grandi (ed è così, ma non è che con il passaggio dalla quinta elementare alla prima media diventi un uomo adulto e maturo). Credono quindi di poter ridicolizzare qualunque persona o cosa venga considerato "da bambini", che di per sé dimostra già il fatto che devono ancora crescere molto.
E' un po' come i ragazzi ancora un po' immaturi che in primo superiore si sentono grandi e prendono in giro i ragazzini di prima media, oppure come i ragazzi di secondo superiore che prendono in giro i ragazzi di primo. Per fortuna in quinto superiore di solito si è abbastanza maturi da capire che vantarsi di essere più grandi è una cosa molto stupida...

In realtà essere felici di stare crescendo e "vantarsi" di star diventando grandi è una cosa normalissima, succede a tutti: secondo me si tratta semplicemente di curiosità, la curiosità che provano tutti i bambini e gli adolescenti provocata dalla domanda:"chissà come ci si sente ad essere grandi?"; domanda che ci siamo posti chissà quante volte nel corso della nostra infanzia.

Il vero problema avviene quando crediamo che essere bambini sia un male, che usare o avere cose che ci ricordano la nostra infanzia sia una cosa ridicola. Quante volte hai sentito dire da un adulto:"tu credi ancora alle favole, cresci"? Come se ci sia qualcosa di male nel continuare a sognare, nel rimanere bambino. Poi, certo, un conto è essere bambini, un altro è essere infantili. Ma dobbiamo sempre tenere stretta la parte più bambina di noi, e continuare ad amarla anche quando avremo 60 anni, perché è la parte più importante della nostra persona.
Quindi se tu vuoi dormire con il pigiama dei Pokémon fallo pure, non c'è niente di male. Non badare al giudizio dei tuoi compagni di classe, che probabilmente anche loro faranno cose considerate "da bambini", ma non lo dicono per paura di essere presi in giro, come è successo a te.

Tu sei più maturo di loro, quindi semplicemente non darci peso e fai ciò che ti piace fare. Hanno ancora 11 anni, dovrebbero godersi questi anni della preadolescenza invece di pensare a sembrare più grandi, perché quando cresci per davvero (non intendo necessariamente di età ma soprattutto mentalmente), vorresti tornare bambino.

Ogni volta che ti dicono qualcosa, pensa che loro non hanno assolutamente niente in più di te e che non c'è niente di male nel dormire con il pigiama dei pokémon. Lasciali perdere e vai avanti :)
Spero di averti aiutato e di averti fatto sentire meglio, ciao!!

CaGnoLoSha

Se vuoi fare una domanda riferita a ciò che ho scritto
o se vuoi aggiungere un consiglio per Gavino, rispondi a questo messaggio.



Una domanda a caso...

Tesina su papa Francesco

Consigli

  • Prima di fare una domanda controlla se altri ne hanno fatta una simile.
  • Anche se non hai problemi leggi questa rubrica: conoscendo le esperienze degli altri affronterai meglio le tue!
  • Se ne hai voglia, puoi parlare di scuola anche nel forum!

Cose utili

Informazioni su questa rubrica