Il Gomitolo


L'angolo della scuola

Esame debito orale

#495 Il 05/07/2012 Kika di 16 anni ha scritto:
Ciao, alla fine dell'anno scolastico una volta usciti i risultati, molti di noi hanno avuto i debiti. Inizialmente si è detto che il corso sarebbe stato di cinque ore e l'esame sarebbe stato fatto durante le ore di questo corso. L'esame ovviamente è previsto scritto e da quanto so, è unico. Adesso invece è uscita un'altra novità che mi è sembrata veramente assurda e quasi impossibile da credere. Se si viene bocciati all'esame scritto, la scuola ti convoca ad un esame orale dove verrai esaminato dal consiglio d'istituto o di classe. I professori si sono giustificati dicendo "è per darvi un altra possibilità". Ma da quando funziona così? Io ho sempre saputo che si viene sottoposti ad un esame e basta. Nei fogli che sono stati consegnati alle famiglie infatti, si parla di un solo esame e in caso non venga superato segue la bocciatura. Mi puzza tanto di "truffa" questa cosa. Si possono fare queste cose? Sai dirmi qualcosa in più con notizie certe?

La mia risposta:

Ciao Kika, la soluzione dell'esame orale per superare il debito non è nuova. So che già da qualche anno alcune scuole scelgono di sottoporre gli alunni rimandati all'esame scritto e poi all'esame orale. Ogni scuola e ogni regione adotta modalità diverse per gli esami dei debiti, in particolare è il collegio docenti che decide.

Non capisco perché hai definito questa modalità come 'truffa': mi sembra del tutto legittimo proporre ai rimandati un esame orale soprattutto se come debito si ha una materia come storia. Capisco invece la tua sorpresa e la tua ansia avendo saputo solo ora la 'novità'.

Io so che di norma gli esami del debito sono puramente e interamente scritti, sia per la parte orale sia per la parte scritta; ovvero se hai sotto latino sia nella traduzione sia nella letteratura devi recuperare il programma con un esame scritto (traduzione + parte della letteratura).

So che però in certe scuole i docenti hanno deciso di scegliere per la strada 'non tutto è perduto': se un alunno non riesce neanche con l'esame scritto a recuperare la materia, può richiedere che egli ritenti con l'esame orale. L'esame orale di solito si tiene con due insegnanti durante il quale viene chiesto il programma svolto facendo attenzione agli errori che sono stati commessi nella prova scritta.

Non so poi sinceramente se in alcune scuole chi ha un'insufficienza nell'orale di una materia (per esempio ha sotto l'orale di italiano e non lo scritto), faccia solo l'esame orale o faccia lo scritto o solo scritto/orale. Di norma comunque le modalità seguite sono quelle citate sopra e che conoscevi anche tu. Notizie certe non ne ho per il semplice fatto che ogni scuola e ogni regione decide a sé tramite il collegio docenti...

Più che altro la mia perplessità è: perché la decisione di fare anche un esame orale non è stata comunicata prima della fine dell'anno? E' stato scorretto nei vostri confronti sbattervi a luglio la novità. Oppure è passata la circolare e non avevi fatto attenzione?

Non mi rimane che consigliarti di andare in segreteria o di visitare il sito della tua scuola.

Ciao e buona fortuna!

Fogny

Se vuoi fare una domanda riferita a ciò che ho scritto
o se vuoi aggiungere un consiglio per Kika, rispondi a questo messaggio.



Consigli

  • Prima di fare una domanda controlla se altri ne hanno fatta una simile.
  • Anche se non hai problemi leggi questa rubrica: conoscendo le esperienze degli altri affronterai meglio le tue!
  • Se ne hai voglia, puoi parlare di scuola anche nel forum!

Cose utili

Informazioni su questa rubrica