Il Gomitolo


Spazio lettura

La diffusione dell'alcol fra i giovani

Un problema concreto e un articolo da leggere e far leggere,
per conoscere i rischi di determinate scelte fatte da ragazzi sempre più giovani.

Articolo a cura di Veronica (Fogny)

Una delle grandi piaghe sociali dei nostri tempi è l'abuso dell'alcol.
E pensare che è una delle invenzioni più antiche: durante alcuni scavi archeologici in Iran, sono state trovate tracce evidenti di alcol in una giara presso un insediamento risalente al neolitico (5400 - 5000 a.C); in Iran si beveva già 7.000 anni fa!

Secondo recenti indagini statistiche l'alcol uccide più della droga poiché l'etilismo (abuso di sostanze alcoliche) non provoca solo malattie mortali come cirrosi epatica, tumori, tubercolosi all'apparato respiratorio, ma anche danni al sistema nervoso periferico; senza contare alcuni disturbi comportamentali che possono talvolta portare al suicidio o omicidio.

Cocktail

Ragazzi sempre più giovani si fanno travolgere dal vortice dell'alcol per sentirsi uguali ed accettati dal proprio gruppo d'amici: in Italia si fa per la prima volta uso di alcol ad undici anni mentre in altri paesi europei a tredici. Questo fatto è allarmante tenendo conto che secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità sotto i sedici anni il sistema nervoso non è ancora completamente sviluppato e non è in grado di sostenere quantità elevate di alcol.

Ma perché si comincia a bere? Oltre per disagi personali, famigliari o emotivi (solitudine per esempio) un ragazzo beve per sentirsi libero, per stordirsi, perché è attratto dallo "sballo" ma soprattutto perché al giorno d'oggi si pensa, sbagliando, che non ci si possa divertire il sabato sera, in discoteca o in un locale, senza ubriacarsi.

I ragazzi d'oggi sembrano aver dimenticato quanto grande sia il dono della vita e i rischi che corrono comportandosi in questo modo. Per non parlare del fatto che molti giovani uniscono droga ed alcol rischiando di cadere nel cosiddetto coma etilico che può causare gravi danni al cervello o addirittura portare alla morte.

Si pensi inoltre che numerosi incidenti stradali (soprattutto durante il week-end) sono provocati da persone che guidano in stato di ebbrezza (cioè dopo aver assunto quantità elevate di alcol) e così facendo mettono a repentaglio la propria vita e quella degli altri.

Bisogna tener presente che si parla di alcolismo quando una persona fa un uso abituale di alcol e che se non lo fa cade in uno stato di stress psico-emotivo ovvero la comune crisi d'astinenza.

Birra

Purtroppo l'etilismo ha avuto e continua ad avere un'ampia diffusione fra tutti i ceti sociali, senza distinzione tra i due sessi e tra le diverse culture. Per questo motivo diventa molto importante aiutare amici, allievi o figli che vivono questa situazione, con il dialogo e rivolgendosi alle strutture che possono dare un aiuto medico e psicologico al ragazzo ma anche a chi gli è attorno e vuole aiutarlo.

Oltre alle strutture pubbliche presenti negli ospedali esistono associazioni di volontariato che non solo si occupano della lotta contro l'alcolismo, ma cercano anche le vittime di questa dipendenza nella società.

Ci sono molti modi per divertirsi ma non bisogna farlo mettendo a rischio la propria vita o quella degli altri. Bisogna imparare ad avere rispetto per sè stessi e per la propria salute. Dopo i 18 anni un bicchiere al giorno di vino non fa male, anzi aiuta la circolazione del sangue, ma abusarne diventa pericoloso per il nostro fegato, il nostro cervello, la nostra vita; anche solo bere sempre una birra o liquori può provocare seri danni.
Impariamo a divertirci con intelligenza e buon senso!

Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons e può essere copiata e ridistribuita per fini non commerciali e a patto di citare l'autore e la fonte.


Stampa e copia!

Stampa questo articolo e fallo leggere ai tuoi amici, famigliari o allievi. La pagina conterrà solo il testo e gli approfondimenti, senza la grafica del sito e altre distrazioni.

Vuoi scrivere un articolo?

E' facile, ecco come si fa!