Il Gomitolo


Spazio lettura

La sinestesia

Sentire i colori e assaggiare i suoni: una condizione neurologica
strana ma affascinante che molti vivono senza rendersene conto!

Articolo a cura di Gabriele

La parola "agosto" è arancio ed il suono del violino sa di cioccolata. No, chi scrive non è impazzito ma è un sinesteta, ossia una persona che ha la sinestesia, una condizione neurologica (che parolone!) che fa sì che a una percezione se ne associ un'altra. Ad esempio ad un suono corrisponde un colore ma anche un sapore, ad una sensazione un colore e così via...

Non è un fenomeno di fantasia: chi scrive, come tutti i sinesteti, non ha deciso un bel giorno che la parola "agosto" doveva essere arancio o il "3" giallo, né il collegamento fra il suono di violino ed il sapore di cioccolata deriva dal ricordo di qualche pubblicità. Nella sinestesia gli stimoli sono involontari, automatici e non modificabili: per esempio si sente un suono e si vede un colore, sempre, e le associazioni con cambiano nel tempo, quindi "agosto" resta arancio, il "3" resta giallo, ecc...

Lettere e numeri colorati

A questo punto forse qualche lettore starà pensando "capita anche a me!" e magari pure "ma non è una cosa che hanno tutti?". No, la sinestesia di varie forme è abbastanza diffusa ma non la hanno tutti.
Normalmente chi legge questa parola non le attribuirà dei colori a meno che non l'abbia fatto in passato, magari colorandola per un lavoretto di scuola. In questo caso però non si tratterebbe della cosiddetta "forma pura" di sinestesia, quella automatica.
Capita invece che leggendo articoli come questo, persone che hanno sempre convissuto con la sinestesia, considerandola una cosa comune, si rendano conto che non lo è... e di essere molto fortunate!

Fortunate? Sì perché la sinestesia non è una malattia! E' una condizione permanente del cervello che fa sì che uno stesso stimolo attivi più aree. A ognuno dei cinque sensi (vista, udito, olfatto, tatto e gusto) è dedicata un'area del cervello. Normalmente quando si sente un suono nel cervello si attiva la parte dedicata all'interpretazione dei suoni. Nelle persone che hanno la sinestesia invece si attiva sia quella parte sia un'altra o anche più di una.
Il motivo per cui ciò avviene in alcune persone e in molte altre no non è chiaro. L'ipotesi più comune oggi è che vi sia una predisposizione genetica alla fusione di alcuni sensi e addirittura che appena nati tutti abbiano queste capacità, che vanno perdendosi crescendo. La genetica spiegherebbe perché è frequente che più persone nella stessa famiglia abbiano la sinestesia.

Non tutti hanno lo stesso genere di sinestesia e anzi ne esistono molte forme, talvolta combinate fra di loro. In questi casi può capitare che alcune siano più forti di altre. I collegamenti sono a senso unico: un suono evoca un colore ma un colore non evoca un suono. Le associazioni poi variano da persona a persona, per cui se qualcuno la "i" è blu scura, per altri è gialla, verde, ecc. Addirittura ad alcuni sinesteti le lettere colorate in questa pagina potrebbero dare un senso di disagio perché di colore diverso rispetto a come le percepiscono.

Le più comuni forme di sinestesia sono grafema-colore, quando la visione di una lettera o di un numero evoca un colore, e suono-colore, quando un suono (anche i rumori e la voce) evoca un colore. C'è anche chi, oltre ad associare colori a numeri e lettere, le "vede" disposte in uno spazio bidimensionale (come la pagina di un quaderno) o addirittura tridimensionale, creando così vere mappe mentali! Esistono tante altre forme di sinestesia meno diffuse che coinvolgono il gusto, l'olfatto, il tatto e perfino le emozioni, il dolore o la percezione della temperatura...

Vivere con la sinestesia può sembrare un gran caos, invece è bellissimo e chi la ha non saprebbe rinunciarvi! Avendo a disposizione queste capacità fin dalla nascita il cervello si abitua ad usarle per memorizzare e organizzare le informazioni. Chi scrive non ha difficoltà a ricordare lunghe sequenze di numeri o parole complicate, andando a "ripescarle" nella memoria grazie ai colori che le compongono. Spesso i sinesteti sono dotati di una maggiore creatività e infatti esistono numerosi artisti passati e contemporanei che hanno confidato di avere una o più forme di sinestesia e trarne vantaggio per il proprio lavoro!

La sinestesia è nota da molto tempo ma solo negli ultimi decenni, anche grazie agli sviluppi scientifici nell'osservazione del cervello, sono stati svolti studi consistenti sul fenomeno. Negli approfondimenti di questo articolo ci sono molte notizie interessanti sulle diverse ipotesi fatte dagli scienziati e sulle varie forme di sinestesia.

Se pensi di essere un sinesteta o che lo siano i tuoi figli o un tuo allievo, esplora questa condizione. Prenderne consapevolezza aiuta a capirla, apprezzarla e anche a sfruttarla per migliorare la capacità di apprendimento e la memoria.

Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons e può essere copiata e ridistribuita per fini non commerciali e a patto di citare l'autore e la fonte.


Stampa e copia!

Stampa questo articolo e fallo leggere ai tuoi amici, famigliari o allievi. La pagina conterrà solo il testo e gli approfondimenti, senza la grafica del sito e altre distrazioni.

Vuoi scrivere un articolo?

E' facile, ecco come si fa!